Intervista a Eric Pallante

Eric Pallante, Responsabile Reparto Stampaggio Termoplastico ci racconta vent’anni in NTS e la sua vita ricca di eventi significativi. L’infanzia in Francia, la passione per lo sport e la musica, la costanza nell’applicarsi al lavoro con un metodo improntato al miglioramento continuo.

Quando e come è entrato in NTS?

INTERVISTA A ERIC PALLANTE

In NTS sono entrato nel 2001 ma è da quarant’anni che mi occupo di stampaggio di materie plastiche.
Questo settore mi è sempre piaciuto moltissimo e non mi è mai pesato alzarmi presto la mattina o fare tardi la sera. Spesso, soprattutto in passato, ho lavorato di sabato e domenica perché quello che mi ha sempre animato è la passione per il mio lavoro.

Oggi di cosa ti occupi?
Oggi sono il responsabile tecnico e gestionale del reparto stampaggio termoplastico.
Coordino circa 15 persone: con i miei collaboratori cerco sempre di instaurare un rapporto fondato su dialogo e rispetto. Credo, in particolare, che sia giusto lavorare insieme per dare vita a un metodo di lavoro funzionale ed efficiente, dove tutti devono sentirsi attori protagonisti di un miglioramento continuo. Bisogna celebrare i successi lavorativi e migliorare sulle proprie aree critiche: solo così si potenziano il singolo e la squadra.

Dicono tu sia un perfezionista. Confermi?
Io credo che sia fondamentale avere una precisa metodologia di lavoro. Quando si è logici, ordinati e preparati i risultati non tardano ad arrivare. Alcuni mi ritengono troppo meticoloso e ammetto che gli anni hanno rinforzato questa mia natura perfezionista ma per me fare un ottimo lavoro è, prima di tutto, una sfida personale. Tutti i giorni mi chiedo: “Domani potrò fare meglio di quanto ho fatto oggi?”.
Tra qualche anno andrò in pensione e ho deciso di racchiudere la mia esperienza in un “manuale” sullo stampaggio (in particolare sui settaggi), che lascerò a NTS come segno tangibile di continuità professionale. Desidero non mettere in difficoltà chi verrà dopo di me, perché credo che il bene dell’azienda debba sempre essere anteposto a tutto.

Cosa ti piace di NTS?
Il clima collaborativo, la libertà di fare il proprio meglio, il piacere di lavorare in una famiglia dove anche chi sta al vertice si “sporca le mani” con chi sta in produzione. In molti hanno a cuore il benessere aziendale e se ne prendono carico

Che clima regna in NTS?
In questi anni ho creato rapporti professionali solidi, oltre a rapporti di amicizia sincera.
Nonostante io abbia 56 anni, mi diverto ancora come un ragazzino quando gioco a pallone con amici-colleghi e ci troviamo, a fine serata, a mangiare una pizza insieme. Alla fine sono le cose semplici che ci rendono appagati.

Ami il calcio?
Tantissimo. Ho fatto di tutto: il giocatore ricoprendo tutti i ruoli, l’arbitro, l’allenatore fino alla carica di Presidente nella Società Calcetto Canonica d’Adda. A questo sport è anche legato un mio grande rimpianto: a 14 anni giocavo in serie D come portiere, ero anche bravo. Ma avevo bisogno di lavorare e nessuno mi ha spronato a perseguire questa passione che sarebbe potuta anche diventare un lavoro.

Nel tempo libero, ti piace viaggiare?
Ho la Francia nel cuore.
Mia mamma è originaria del Lago di Endine e mio papà ha origini abruzzesi, si sposarono e poi espatriarono nel dopoguerra, ai tempi in cui la Francia richiedeva forza lavoro all’Italia.
Sono nato in un posto bellissimo, a Mont Saint Martin, così come mio fratello Marc.
Avevo sei anni quando i miei decisero di ritornare in Italia, una scelta che non ho preso bene: amavo la Francia e la amo ancora. Appena posso, vado a visitarla, ho anche mantenuto la doppia nazionalità, a riprova della mia fedeltà.

Che cosa ti ha insegnato quella esperienza?
In Francia vivevo in un ghetto dove c’erano senegalesi, tunisini, italiani. Sono cresciuto in mezzo agli altri e mi sono sempre integrato. A dire il vero, non ho mai sentito differenze. Il brutto è stato quando sono tornato in Italia e ho provato sulla mia pelle il razzismo: mi discriminavano per il mio accento, per come ero vestito, persino per il mio nome troppo esotico. Da allora ho deciso che non sarei mai stato razzista e che avrei insegnato ai miei figli che la diversità è sempre un arricchimento.

Oltre al calcio, c’è un’altra passione?
La musica. Gestisco un gruppo musicale anni ‘80 e suono alcuni strumenti musicali a orecchio. Nessuno me lo ha insegnato, eppure me la cavo piuttosto bene. La musica è un linguaggio universale e trasmette energia e positività, per questo mi piace moltissimo.

 

NTS al Bergamo Job Festival

NTS S.p.A. conferma il suo impegno nel consolidare i rapporti tra scuola e impresa partecipando al JobFestival, un evento organizzato da Confindustria Bergamo in collaborazione con gli istituti scolastici, le imprese e gli enti per favorire l’incontro tra gli studenti e le imprese del territorio.
Un’occasione per incontrare giovani talenti ai quali far conoscere la nostra realtà industriale fornendo loro una panoramica precisa e completa del mercato del lavoro, delle opportunità professionali, di stage e di alternanza scuola/lavoro.

Ecco le tappe da non perdere:

PRIMA TAPPA: 27 maggio – ITIS Pietro Paleocapa – Bergamo;

SECONDA TAPPA: 5 giugno – IISS Ettore Majorana – Seriate;

TERZA TAPPA: 6 giugno – IIS Guglielmo Marconi – Dalmine.”

FAQ 1 – Che cos’è il Metal Replacement?

È uno dei servizi ad alto valore aggiunto che NTS propone ai clienti che desiderano innovare il proprio prodotto.

Si tratta di un esclusivo servizio di consulenza e di affiancamento tecnico, integrato se necessario anche da specifiche know-how di terze parti nostri partner, che parte dalla scelta del materiale alla ri-progettazione delle geometrie del pezzo insieme al cliente, dalla prototipazione  fino alla costruzione di stampo e stampaggio di serie dei pezzi.
NTS, progetta e genera il pezzo in materiale composito (fibra di vetro e resina) così resistente e performante da sostituire in toto il corrispettivo materiale a matrice metallica. Questa attività è sempre svolta con l’obiettivo della sostenibilità e convenienza economica.

Il Metal Replacement è uno dei servizi che contraddistingue la filosofia di NTS volta a comprendere gli obiettivi del cliente per poi centrarli con prodotti e servizi ad alto valore tecnologico.

Quali settori possono beneficiare del Metal Replacement?

Gli ambiti di applicazione sono diversi: dalla componentistica dell’automotive (ingranaggi, leve, housing meccanici, motori elettrici, gruppi ottici) a quella dei macchinari industriali, dove comunque risultano esserci produzioni di serie.

In generale, i vantaggi riconosciuti del Metal Replacement sono: incrementare la produttività dei processi, garantire minori costi di produzione del pezzo.

Altro aspetto da non sottovalutare: la durata e la manutenzione dello stampo che produce il pezzo in plastica è migliore rispetto al corrispettivo in matrice metallica.

Alcuni vantaggi dal Metal Replacement:

  • Mantenere e ottimizzare le caratteristiche fisiche (meccaniche, termiche, chimiche) richieste dal progetto in metallo ed anzi migliorare le caratteristiche dielettriche e di isolamento;
  • Alleggerimento dei pesi dei componenti;
  • Minore volatilità dei costi di materia prima;
  • Minori costi di produzione, stampaggio e finitura;
  • Maggiore libertà geometrica di progettazione (flessibilità di design);
  • Riduzione di vibrazioni e rumorosità;
  • Finiture superficiali, tolleranze e colori ottenibili direttamente da stampo.

 

Vuoi saperne di più?

Contattaci subito.

Grazie per averci scritto.
Il nostro team ti ricontatterà al più presto per fornirti tutte le informazioni di cui necessiti.
Vuoi maggiori informazioni su questo tema?
Compila il form e sarai ricontattato a breve.







Celebrazione 60 anni di NTS

Sabato 4 maggio abbiamo avuto il piacere di festeggiare 60 anni di storia.Un evento unico ed emozionante in cui, al cospetto di tutta la squadra NTS, si sono avvicendate diverse voci nel racconto della nostra azienda, una realtà che vanta un solido passato e, al contempo, un entusiasmante futuro.

“Sono molto emozionata oggi, è un traguardo importante che abbiamo raggiunto grazie alla determinazione e alla voglia di farcela, nonostante tutto. Dobbiamo regalare a NTS un pezzo di eternità e questo sarà possibile solo nella misura in cui saremo in grado di renderla sempre più solida, autonoma, performante” – ha esordito una commossa Marinella Manzoni, Presidente NTS.

Nel corso della mattinata è intervenuto anche Fabio Daminelli, Operations Manager NTS, che ha ricordato diverse tappe aziendali fondamentali, come ad esempio quella riguardante l’apertura dello stabilimento in Romania “Ogni mese incontro i colleghi rumeni e rimango sempre molto colpito dall’arricchimento di ogni nostro incontro. La distanza non conta se si è supportati dagli stessi valori e dalla stessa visione”.

Presente all’evento anche il Prof. Lucio Cassia, professore ordinario e presidente del Research Center for Young and Family– Università di Bergamo, che ha ribadito come le aziende famigliari siano, ancora oggi, il fulcro dell’economia italiana: “Le aziende come NTS ci ricordano l’importanza della famiglia e di valori chiave che animano ogni grande azienda: la resilienza e la determinazione”.

Sul finire della mattinata, la chiosa di Marco Manzoni, Vicepresidente esecutivo NTS: “Oggi abbiamo ripercorso il nostro passato, ricco di infiniti insegnamenti. Credo che in particolare, sia importante valorizzare un dato essenziale: siamo forti e siamo capaci di fronteggiare momenti personali e professionali non idilliaci. Tutto questo per due grandi caratteristiche che sono insiste nel nostro DNA: la flessibilità – tipica anche del materiale plastico che trattiamo- e la profonda unione di intenti che da sempre alimenta la nostra squadra”.

Durante la mattinata è stato proiettato questo video celebrativo: